A fiori, monocromo, double face, con stampe personalizzate: i copriletti e le trapunte non sono solo tessuti con cui scaldarsi, ma veri e propri complementi d’arredo, utilizzati per donare colore e vivacità alla camera da letto.

Sono disponibili così tante varietà, che tutti quanti abbiamo la possibilità di vestire con carattere e raffinatezza la camera da letto, a seconda del proprio gusto, personalità e stile.

Leggeri e lavabili in lavatrice, i copriletti moderni hanno diverse varianti cromatiche rispetto agli anni passati, quando si sostituivano le coperte solamente con il cambio di stagione e senza pensare troppo all’estetica.

copriletti trapunte

I copriletti: conosciamoli da vicino per apprezzarli ancora di più

Quelli tradizionali sono realizzati con una copertura esterna, che può essere in cotone o materiale sintetico; al loro interno si trova uno strato sottile di imbottitura, leggeri e caldi.

Quelli di ultima generazione sono di microfibra, molto apprezzato per le sue qualità di morbidezza, leggerezza e resistenza ai lavaggi.

I copriletti assicurano un piacevole tepore nelle stagioni intermedie, regalano calore nel primo periodo d’autunno; sono disponibili in così tanti colori e fantasie che possono davvero cambiare l’aspetto di una camera da letto.

 

Soprattutto in presenza di muri bianchi, un bel copriletto che riporta stampe floreali, dai colori delicati, o anche più accesi, può donare all’ambiente una piacevole armonia, un gradevole senso delle proporzioni, sposandosi alla perfezione con gli arredi.


Se poi si applicano dei cuscini a tema sopra il letto, l’effetto sarà ancora più bello.

 


Per quanto riguarda la scelta delle cromie del copriletto o trapuntino, è possibile optare per quei colori che si avvicinano ai mobili presenti nella stanza da letto, oppure che siano nettamente opposti nella scala cromatica.

Ad esempio, se gli arredi sono in wengé, si può optare per un bel copriletto color rosso, per creare una contrapposizione tra i due colori predominanti, ma che comunque genera un’armonia visiva; oppure optare per i toni del Blu, se nella stanza gli arredi sono bianchi.


Il copriletto non è, quindi, solamente un tessuto che viene messo sul letto per coprire il lenzuolo, ma è esso stesso un complemento d’arredo, che consente di arredare la propria stanza con stile e cambiare look, ogni qualvolta se ne sente il desiderio, non solo in base alle stagioni, ma anche seguendo il proprio mood.


Con i freddi più consistenti, si possono poi utilizzare la trapunta o il piumino, scegliendo tra vari gradi di calore.

 

 

Leggi anche: Come arredare una camera da letto per un riposo rilassante e di qualità

 

Le trapunte ed i piumini: calore e bellezza

La trapunta è una coperta più pesante del copriletto, solitamente si compone di tre strati: il primo, quello esterno, è quello visibile appena si entra in camera, di più immediato impatto.

Lo strato a contatto con le lenzuola, invece, è solitamente diverso, ad esempio a tinta unita.

Nelle versioni double face, i due lati hanno la stessa qualità di filato, ma differenti fantasie o colori, e consentono di cambiare look al letto, semplicemente girando il verso della trapunta.


Per quanto riguarda l’imbottitura, questa può essere di poliestere, lana, oppure di materiale sintetico.
Gli strati sono uniti tra loro con cuciture che possono avere diversi disegni; i più comuni sono quadri, zig zag o rombi.

 


Anche le trapunte sono disponibili in una grande varietà di fantasie e colori: scegliendo una coperta di questo tipo, non si acquista solamente una stoffa imbottita per scaldarsi, ma si esprimono le emozioni, i sogni, per quello che è, a tutti gli effetti, un complemento d’arredo che “veste” la camera da letto.

Leggere un libro avvolti da una morbida trapunta della propria fantasia preferita ha degli effetti davvero benefici, per corpo e mente. Inoltre, se è vero che passiamo oltre un terzo della vita dormendo (e quindi a letto), è facile immaginare la grande importanza di essere immersi in una nuvola soffice, calda e che dona serenità.


Il piumino ha la caratteristica, nota a tutti, di essere di solito imbottito di piuma d’oca.

All’interno può essere inserita anche la piumetta, meno pregiata, che si trova in percentuale variabile, a seconda della qualità del piumino.

L’involucro esterno è solitamente in puro cotone, un tessuto anallergico e traspirante.

La scelta del piumino deve essere fatta in base al calore che si vuole ottenere, considerando anche la temperatura generale della stanza.

Anche in questo caso, un bel tessuto ed una fantasia raffinata sono in grado di cambiare in positivo l’aspetto di una stanza da letto, donando regalità, senso di benessere ed ordine.

Scegliere i copriletti: quali criteri?

Un copriletto non deve essere solo di buona qualità, che assicuri una buona resistenza all’usura ed ai lavaggi, ma anche essere piacevole al tatto, rispecchiare i tuoi gusti, nonché sposarsi bene con lo stile degli arredi e dell’ambiente circostante.

Proprio come per l’acquisto di un bel quadro da applicare alla parete, anche per il copriletto dovrebbe valere la regola delle emozioni: quello che suscita una piacevole sensazione, sia al tatto che alla vista, è quello giusto.

Se si tratta di una fantasia a fiori, allegra o colorata, oppure di un motivo più soft, geometrico o monocromo, l’essenziale è che doni serenità, calore, armonia e bellezza.